lunedì 3 dicembre 2012

Panico da allattamento...e sono solo al quinto mese

Vorrei essere totalmente ignorante e andare incontro al parto senza sapere nulla e in piena incoscienza, ma la mia famosa ansia ha sempre la meglio. Ho incominciato a leggere il libro di Tracy Hogg Il linguaggio segreto dei neonati, in cui la suddetta puericultrice parla del metodo che ha applicato su generazioni di bambini, il famosissimo metodo EASY.

Non sto qui a spiegare di che cosa si tratti (la Tracy sta al mondo dei bambini come Tata Lucia sta al mondo delle tate), ma la lettura di questo manuale mi ha procurato un'ansia che pensavo non mi appartenesse. Come fare a nutrire la nana? Lo so: sono dotata di due tette che, mi dicono, non appena mia figlia nascerà cominceranno ad essere una centrale del latte.
Ora, siccome l'allattamento al seno è la cosa più naturale del mondo ed è inutile che parli dei benefici che ciò comporti, non è esattamente così semplice almeno nei primi momenti. Come mi ha spiegato Tata Simona, ma  come dicono pure le ostetriche al corso pre parto, partorire non sarà proprio una passeggiata, ma anche per il bambino è uno shock venire al mondo. Nudo, con la luce dei neon, le urla della mamma e le infermiere che accorrono con i sali dal padre svenuto....provate voi a stare al calduccio fino a qualche momento prima e poi avere qualcuno che vi dà una sculacciata sul sedere per vedere se state bene...
L'allattamento, dicevamo. Bisogna innanzitutto far capire all'infante che deve centrare non solo il capezzolo, ma anche l'aureola. E come si fa? Bah, qualcuno me lo insegnerà. La cosa che però mi preoccupa maggiormente è capire quante volte la bambina dovrà mangiare. A richiesta? O ad orari stabiliti? Faccio prima a starmene tutto il giorno in topless?
Lavorando da casa e non godendo della maternità non posso certamente permettermi di stare troppo lontano dalle mie faccende: come fare a conciliare le esigenze di una nana di pochi mesi che giustamente ha diritto di mangiare e le mie attività? Ho un marito che mi aiuta, ma devo dire che questa cosa dell'allattamento  mi preoccupa un po'.

2 commenti:

Simona Redana ha detto...

Ma insomma Baule, basta con tutte 'ste seghe mentali! La nana arriverà alla centrale del latte a occhi chiusi. Se nutrirla a richiesta o a orari lo deciderai tu in base alle tue e alle sue esigenze. E' estenuante all'inizio, a volte doloroso (sempre all'inizio) ma poi una volta avviato l'allattamento è la cosa più naturale del mondo. Ti insegnerà tutto la nana, tranquilla. Lei sa.

valentina ha detto...

Ah ah Simo, tu sì che sai smuovere le coscienze! Comunque la parola "estenuante" non è che mi tranquillizzi molto...eheheh (comunque grazie!).

Posta un commento

 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...