giovedì 29 dicembre 2011

Beppe, aiutami tu!

Stasera stavo guardando in replica Benedetta Parodi. E siccome quest'anno si è lanciata (forse dopo essere andata a lezione da Giovanni Muciaccia) nell'arte dell'apparecchiatura della tavola, ho imparato che i fiori di finocchio significano "forza", mentre quelli di camomilla "forza nella difficoltà". Bene. Adesso mi preparo un bagno a secco dove butterò mazzi e mazzi dei suddetti fiori e dove mi immergerò finchè i fiumi di parolacce che mi stanno passando per la mente non diventeranno delle spirituali preghiere tibetane.
Tutto ciò per dire che ho letto questa notizia e mi volevo buttare giù dal quinto piano. Da settembre infatti aboliranno l'albo dei giornalisti pubblicisti. Ma coooomeeeeee? Ovviamente io dovrei prendere il tesserino a maggio. Potrò dire a mia nonna di essere stata giornalista per soli tre mesi. Sono soddisfazioni.
Da quando ho cominciato a scrivere mi sono impegnata per raggiungere questo obiettivo e per varie vicissitudini non ci sono mai riuscita. Ero così vicina al traguardo che mi immaginavo di andare a braccetto con Beppe Severgnini e dirgli: "Ciao collega, come va? Ti va se mangiamo la mostarda assieme?". Mi sa che per esaudire questo desiderio dovrò chiamare C'e' posta per te.
Nel frattempo sto cominciando a pensare a quali professioni potrei aspirare in alternativa (escludendo, ma forse anche no, la segretaria di studio medico). Me ne sono venute in mente alcune:
- l'assaggiatrice di patatine fritte
- la suonatrice di ukulele
- la restauratrice di nani da giardino (sicuramente, data la loro diffusione, potrei guadagnare un discreto gruzzoletto)
- la cotonatrice di pelo per cani da esposizione
- la scrittrice di biscotti della fortuna (come Homer e Woody Allen in un episodio dei Simpson)
- la cavia da laboratorio
- l'assaggiatrice delle Macine, i biscotti del Mulino Bianco, in cerca dell'errore nella composizione dell'impasto
- la creatrice di cerchi perfetti per pescare nelle acque gelate del Nord Europa (nel caso volessi una carriera internazionale)
- la selezionatrice di pere per la mostarda (questo in onore del fu, nel senso che forse non lo sarà, collega Beppe Severgnini. Ma lui è di Crema, quindi mi sa che sarà meglio passare ad altro)
- la stilista di Lady Gaga, i cui abiti saranno realizzati solo con frutta e verdura biologici.

Beh. Almeno, visto che la ragione l'ho persa, ho sempre la salute.          

2 commenti:

Anonimo ha detto...

magari, prima di immaginare lavori fantasiosi, prova a informarti sulla loro esistenza o meno: http://www.assotoelettatori.it/
i "cotonatori di pelo" esistono e - ti dirò di più - l'allevamento, la cura, l'esposizione dei cani di razza sono fra le poche attività non in crisi, perfino in Italia. i cani italiani, debitamente "cotonati" vincono nelle esposizioni di tutto il mondo al punto che sarà l'Italia, nel 2015, a ospitare l'edizione annuale dell'expò canina mondiale

valec ha detto...

Grazie per la segnalazione, ma la mia non voleva essere una presa in giro nei confronti di nessun mestiere.

Posta un commento

 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...